Vuoi arredare la camera da letto ed hai una predilezione per i mobili in arte povera? Ecco qualche consiglio per te.

Quando si arreda casa bisogna compiere delle scelte precise, e una delle più importanti è quale stile sposare.

Se sei un amante della tradizione, ma anche dell’essenzialità e della funzionalità degli arredi, allora i mobili in arte povera fanno al caso tuo.

Mettiamo il caso che tu stia per sposarti (se proprio insisti :-D), una delle stanze alle quali presterai maggiore attenzione in fase di scelta dei mobili è la camera da letto, il talamo nuziale.

Vediamo come arredare la camera da letto con mobili in arte povera

Camera da letto in arte povera

 

Camera da letto in arte povera: la scelta del letto

Qual è l’elemento centrale di una camera da letto? Esatto, il letto, che deve essere esteticamente piacevole, ma anche funzionale.

Puoi scegliere una struttura letto in legno massello, con lo schienale intagliato, che è molto elegante, oppure una più semplice ed essenziale, senza decorazioni né ghirigori particolari. Ai lati del letto due comodini in arte povera, a due o tre cassetti, magari con i piedini alti e sottili, che hanno quel gusto vintage che non passa mai di moda.

Essenziale è il comò, dove riporre la biancheria e le lenzuola; puoi scegliere una soluzione che si sviluppi in altezza, con più cassetti ma meno larghi, oppure un classico comò basso e ampio, con meno cassetti ma più profondi e capienti. Oltre che funzionale, la scelta qui è anche di carattere estetico, ma non va sottovalutata l’ampiezza della stanza, che influenza moltissimo le tue possibilità.

 

Camera da letto in arte povera: l’armadio

Fidati, in una casa lo spazio non è mai sufficiente, e ogni volta che farai il cambio di stagione ti chiederai “e questa roba dove diavolo stava prima?”.

Ecco perché ti consigliamo di compare un armadio in arte povera per la tua camera da letto che sia molto capiente e resistente, a due, tre o quattro ante, magari con specchiera integrata.

Quando si acquistano i mobili per la camera da letto si prende l’intero pacchetto, quindi struttura letto, comodini e armadio hanno lo stesso stile, colore e decori, anche per avere una ambiente più equilibrato e armonioso, ma questo non vuol dire che tu non possa introdurre nella stanza degli elementi aggiuntivi.

Vediamo quali.

 

Camera da letto in arte povera: accessori e complementi d’arredo

Se le dimensioni della stanza te lo consentono, puoi pensare di introdurvi altri elementi in stile arte povera, per poter arricchire l’arredamento.

Ad esempio, potresti aggiungere ai piedi del letto un bel baule, dove riporre le coperte per l’inverno, oppure una sedia o una poltrona, magari posta accanto ad una finestra, per leggere un libro al sole e rilassarsi.

Altro elemento che non stona affatto in una camera da letto in stile arte povera è lo scrittoio, sistemato in un angolo spoglio, con una bella lampada da camera accanto.

Se siete una coppia che ama guardare la tv insieme, magari un bel film o una serie tv, non può mancare in camera da letto un tavolino porta televisore; puoi sceglierne uno basso e largo, oppure uno più stretto e alto, a seconde dello spazio a tua disposizione ma anche dalle dimensioni della tv da sistemarvi sopra.

Infine, potresti sistemare accanto al comò un porta gioie, dove riporre gioielli, orologi e altre chincaglierie, per evitare di appoggiare tutto alla rinfusa sulla superficie del comò oppure dei comodini.

Come vedi, arredare una camera da letto con mobili in stile arte povera può essere anche molto stimolante e divertente. Quindi, buon divertimento.  

Torna indietro